20201126103458

ABSA

AB Studio Architettura

via Mauro Fiamminghino, 9

20156 - Milano (IT)

www.abstudioarchitettura.it

info@abstudioarchitettura.it

T +39 0233490558 | F +39 0230068487

AB Studio Architettura


phone
instagram
youtube

ABSA @ All Rights Reserved

Studio

AB Studio Architettura  nasce a Milano nel 1981 dalla fusione delle reciproche competenze dell' Architetto Valeria Armani e del Professor Lorenzo Bonini. Lo Studio negli anni si è avvalso della competenza di noti professionisti e attualmente collaborano studenti della Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano.

image-455

Valeria Armani

Nasce a Milano nel mese di Maggio del 1955 e si laurea in Architettura presso il Politecnico di Milano.
Approfondisce gli studi sul Teatro di Luca Ronconi e Gae Auelenti. Ricercatrice presso il Politecnico alla cattedra di Tecnologia di Architettura Prof. Attilio Marcolli.Docente di Area Basic Design presso l'Istituto Europeo del Design (I.E.D.) di Milano e Cagliari. Redattaore responsabile della rubrica di Architettura e Design per la rivista di settore Art Leader. Consulente per l'Architettura ed il Design presso il Tribunale Civile e Penale.
Consulente A.L.E.R. - valutazione e interventi di Manutenzione Ordinaria e Ripristino Edilizio. Relatrice di Tesi di Laurea ed incaricata Commissioni di Esami Facoltà di Architettura e Industrial Design di Milano. Curatrice degli allestimenti Fieracity Milano per Honeywell.
Finalista Premio UNICEF "Bambini Oggi c'è la Pace" - 1995. Selezionata tra i finalisti del concorso pubblico del Parco "La Bareggetta" - Comune di Bareggio (Milano). Progettista specializzata nel Restauro e Recupero Edilizio Conservativo ed Urbano, nonché Architettura Bio-Compatibile.
Nel 2010 selezionata come Commissario in concorsi di Progettazione ed Idee per il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, oggi è figura professionale molto apprezzata nell’ambito milanese e non solo.
shapeimage6

Lorenzo Bonini

Nasce a Reggio nell'Emilia il 25 luglio del 1946 ed è il sesto di sette fratelli. L’istituto Antonio Vallisneri di Scandiano (RE), gli assegna una Borsa per meriti di studio che gli permette di trasferirsi a Milano negli anni ’60. Conseguita la maturità artistica frequenta i corsi di Pittura di Gian Filippo Usellini e di Storia dell’Arte di Raffaele De Grada e Guido Ballo a Brera, guadagnandosi la loro stima e amicizia che permarranno nel tempo. Frequenta i Corsi Master SPD (Scuola Superiore Politecnica di Architettura & Design di Milano) tenuti da autorevoli personaggi: Prof. Arch. Alberto Rosselli (Teoria dell’Architettura & Design). Prof. Bruno Munari (Teoria e Forma del Design). Prof. Arch. Attilio Marcolli - Nino di Salvatore - Augusto Garau (Industrial Design - Psicologia Gestaltica e Teoria del Colore). A conclusione degli studi svolge il proprio tirocinio come disegnatore presso la (M.M. - Metropolitana Milanese) e successivamente presso lo Studio dell’Architetto-Urbanista Mario Baciocchi (ENI - Progettista di San Donato Milanese). In seguito si trasferirà presso lo Studio di Agnoldomenico Pica perché meno vincolante e più appropriato. (Docente di Storia dell’Arte ISIA All’Umanitaria Composizione Decorativa). Quest’ultimo lo incoraggia ad approfondire lo studio di Storia dell’Arte, facendolo esordire come pubblicistica. Pica, Architetto, Critico e Storico dell'Architettura, Giornalista, Segretario del Centro Studi della Triennale con Giuseppe Pagano e con Piero Bottoni nella svolta Razionalista. Pica è anche un punto fermo per la pubblicistica, con testi e saggi fondamentali, tipo - “Architettura moderna in Italia”; “Architettura italiana ultima”; “Pier Luigi Nervi”; “Il Legno nell’Architettura”. Il primo incarico ricevuto da “allievo” era quello raccogliere materiale artistico e architettonico da sottoporgli e di approntare le stesure degli apparati tecnici scientifici per il progetto in corso d’opera: “Corso di Storia dell’Arte e dell’Architettura” Edizione AMP Milano 1978/79. Questa fu la prima edizione fatta in Italia, con allegato la serie completa di dischi 45 giri per chi volesse ascoltare la lezione dalla voce dell’autore. Affermato polemista dagli incancellabili saggi su: Domus; Spazio; Emporium; Casa Bella; Le Arti; Arte Mercato; Arte Mondadori. Acuto critico di artisti vicini all'ambiente di Corrente e alla Galleria del Milione; è tra i primi a curare mostre e cataloghi dedicati all'opera di Sironi. Pica diviene il suo maestro e da lui acquisisce quella preparazione e competenza che lo scorteranno a perseguire con intuizione e ingegno tutto ciò che l’arte enumera, attuando quella puntuale e precisa “critica militante” che nel tempo lo caratterizzerà. Carattere poliedrico si occupa di: Pittura, Scultura, Grafica, Poesia, Musica, Fotografia, Architettura e Design. Negli anni ’70 ha contribuito all’elaborazione de mensile Internazionale: Arte Mercato. Diventandone il caporedattore. Rafforza l’amicizia con Filiberto Menna che lo propone copywriter della storica rivista Le Arti. Nel 1977 Vince il Premio Kunst Galerie per la miglior grafica progettuale.Nel 1982 Medaglia d'Oro “Premio Pietro Bianchi” assegnata da Cesare Zavattini per “L’alto senso Critico”. Nel 1985 I Premio “Cesare Pavese” con la lirica “Là dove muoiono i poeti”, prefazione di F. Pivano. Milano. Nel 1992 Progetta e dirige la Rivista mensile Art Leader, acquisendo interventi dei maggiori Critici e Storici dell’Arte, Intellettuali e Filosofi: Mario De Micheli; Raffaele De Grada; Enrico Crispolti; Guido Ballo; Attilio Marcolli; Giulio Carlo Argan; Gillo Dorfles; Maurizio Calvesi; Vittorio Sgarbi; Giorgio Cortenova; Andrea Del Guercio; André Verdet critico di Picasso; Achille Bonito Oliva e quella del Direttore Quadriennale di Roma Floriano De Santi; il Filosofo Jacques Derida, Direttore dell'École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi; l’Architetto Aldo Rossi, Ettore Sottsass, Vittorio Gregotti, Paolo Portoghesi, Renato Nicolini e altri.

 

“[...] La letteratura non è nata il giorno in cui un ragazzo, gridando al lupo al lupo, uscì di corsa dalla valle di Neanderthal con un gran lupo grigio alle calcagna: è nata il giorno in cui un ragazzo arrivò gridando al lupo al lupo, e non c'erano lupi dietro di lui. Non ha molta importanza che il poverino, per avere mentito troppo spesso, sia stato alla fine divorato da un lupo. L’importante è che tra il lupo del grande prato e il lupo della grande frottola ci sia il magico intermediario: questo intermediario, questo prisma, è l’arte e letteratura.”

 

 
Si è dedicato per decenni all’organizzazione culturale curando rassegne pubbliche, progettando e ordinando mostre di artisti italiani e stranieri, eventi e mostre presso affermate gallerie d'arte di Milano, Torino, Reggio Emilia, Parma, Genova, Loano e Montecarlo, Napoli e Arezzo. Tra cui ricordiamo le storiche: Galleria Cadorna, Interspazio Milano, Arte Borgogna, Galleria Schubert, Galleria Vinciana, Galleria San Carlo, Arte Due Milano, Museo Emblema e altre importanti sedi.
 
E’ Consulente da circa trentacinque anni del Tribunale Civile e Penale di Milano per Arte Moderna e Contemporanea, ed Esperto autorevole per l’opera omnia di Piero Manzoni. Collabora con diverse testate di settore tra cui: Arte, Arte Contemporanea, Io Architetto, Arcigola Slow Food ”Appunti d’Arte”, Arte Mercato. Mentre i saggi monografici sono pubblicati da case editrici quali: Gabriele Mazzotta; Ferrari Grafiche Bergamo; Silvana Milano; Silvia Editore Milano; Edizioni AMP Milano; Editrice ERM Osimo; Istituto Editoriale Europeo Macerata; Elede Editrice Torino; Schubert Editore.
La sua saggistica d’arte è conosciuta e tradotta nei paesi anglosassoni e giapponesi.
lorenzobonini

Contatti

AB Studio Architettura

 

via Fiamminghino, 9

20156 - Milano (IT)

T +39 0233490558

www.abstudioarchitettura.it

info@abstudioarchitettura.it

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder